GigaNews, Tecnologia, Uncategorized

il WI-FI e’ un serio rischio alla salute

Il WI-FI ormai e’ ovunque, e’ utilissimo, ci permette di essere connessi nei ristoranti, negli hotel, negli aeroporti, ma c’e’ il retro della medaglia come per ogni cosa buona; i modem e router wireless inviano segnali alle tue apparecchiature (smartphone, tablet, computers), attraverso le mura della casa, tramite radiazioni elettromagnetiche.

Esatto, radiazioni. Se riescono ad oltrepassare le mura della casa, cosa pensi che fanno al tuo corpo?

Se utilizzi una rete wireless o trascorri molte ore, ad esempio al lavoro dove c’e’ una rete wireless, che tu sia connesso o meno non importa, sei esposto a massicce dosi di radiazioni.

Uno dei principali problemi, e’ che nessuno sembra interessato a spegner eil suo WI-FI, mai, neanche di notte, quindi l’esposizione e’ di 24 ore su 24.

Quindi sei praticamente circondato o circondata da massicce onde EMF (frequenze elettro magnetiche).

Domanda: e’ mai stato testato s eil Wi-Fi e’ sicuro per la salute?
Risposta: beh…piu’ o meno….
I router emettono radiazioni elettromagnetiche a bassi livelli di gigahertz, considerati sicuri fino a una certa soglia. Ma questo solo se sono state testate e non per un’esposizione 24 ore su 24, nessuno puo’ considerare sicura un’esposizione continua.

Studi dimostrano che esposizione prolungata alle onde EMF come quelle degli apparati WI-FI creano e possono creare danni al cervello, perdita di memoria e anche tumori. Queste onde a bassa frequenza sembrano disturbare il corpo umano portandolo a stress, affaticamento e infine anche modifiche al DNA.

Gia’ negli stati uniti ci sono un numero di persone che contestano problemi legati alla salute perche’ secondo loro dovuti a frequente esposizioni al Wi-Fi; i sintomi sono numerosi e vari, dal battito irregolare del cuore, al mal di testa, perdita di concentrazione, problemi digestivi, ansieta’, depressione, ed eccessivo affaticamento.
Molte persone concordano di aver avuto un immediato miglioramento appena hanno cambiato posto di lavoro o diminuito sensibilmente l’esposizione al Wi-Fi.

Wireless Network WiFi zone icon

Uno studio veramente interessante e’ stato condotto recentemente in Danimarca. L’esperimento e’ stato condotto da due gruppi di studenti che hanno piantato la stessa quantita’ e qualita’ di semi di erba da giardino in due diverse stanze lontane tra loro, ma con le stesse caratteristiche.
L’unica differenza e’ che in una stanza era sempre acceso un router WI-FI, nella seconda nno c’era nulla.
Solo 12 gionri dopo hanno verificato che i semi che si trovavano nella seconda stanza avevano germogliato e l’erba stava crescendo, mentre i semi che si trovavano nella stanza con il Wi-Fi non avevano ancora iniziato a germogliare.

Forse e’ arrivato il momento di fare attenzione a tutte le radiazioni e onde elettromagnetiche che ci circondano, sensibilizzando chi ci e’ vicino, spegnendo gli apparecchi WI-FI quando non in uso e utilizzare al loro posto cavi Ethernet ogni cvolta che e’ possibile.